Villaputzu

NATURA E AMBIENTE

La baia di Porto Corallo e la spiaggia di Quirra e sono le gemme costiere di Villaputzu, paese particolarmente fertile perchè disteso a nord dell’estuario del Flumendosa, su una piccola piana assolata. I dintorni del paese sono movimentati da alture rocciose con fitti boschi di lecci, mirto e corbezzoli, in cui dimorano falchi pellegrini e rari grifoni. Nella località Is Paulatzas, sino a maggio è possibile ammirare cascatelle racchiuse tra le rocce granitiche e gli oleandri; nell’entroterra si possono visitare le miniere abbandonate; sulla costa, a nord del paese, si trova la laguna di Quirra, distesa alle spalle di una spiaggia lunga e isolata. Nella zona di Quirra sorge un’importante base militare, motivo per il quale la zona è rimasta quasi disabitata. Alle spalle della laguna di Quirra, si trova una natura ancora selvaggia: il cosiddetto Salto di Quirra, dove “Salto” sta per incolto, luogo selvaggio. Quirra è la spiaggia perfetta per gli amanti della solitudine e la laguna consente di osservare nel loro habitat fenicotteri, folaghe, aironi, la rara cicogna e le altre specie di uccelli.

COSA VEDERE

L’arenile sabbioso di Porto Corallo si trova a poca distanza dal porticciolo turistico, dominato dalla torre spagnola – risalente al XVI sec. – e storico approdo nel quale, a partire dal 1600, per circa due secoli, si effettuò la raccolta del corallo e successivamente l’imbarco dei minerali estratti nel Sarrabus: argento, piombo, antimonio, fluorite e barite. I primi ad insediarsi nel fertile territorio di Villaputzu furono i Protosardi nella località di Torre Murtas, che nel III millennio a.C. scavarono nella roccia il complesso di tombe a Domus de Janas di Is Angurtidorgius, utilizzato anche in età nuragica. Nella località Santa Maria nel VII sec. i Fenici fondarono l’insediamento di Sàrcapos, di cui sono visibili i resti dell’acropoli-fortezza sulla collina. Il gioiello architettonico di Villaputzu è fuori dal paese: oltre il grappolo di case di Quirra, al km 83 della vecchia S.S.125 si trova la bella e isolata Chiesa di San Nicola di Quirra, a navata unica, raro e prezioso esempio di architettura romanica interamente in rossi mattoni cotti, fatta edificare dai Pisani tra il 1200 ed il 1300. Dalla Chiesa si scorge la panoramica altura su cui svettano i ruderi del Castello di Quirra, raggiungibile con un percorso segnalato. La fatica della ripida salita, che inizia con un sentiero lastricato, è abbondantemente compensata dallo spettacolo della splendida spiaggia e del mare. Il castello fu edificato dai Giudici di Cagliari nella prima metà del 1200, poi occupato dai Pisani fino al 1324 e quindi conquistato dagli Aragonesi. La leggenda dice che la castellana Donna Violante Carroz, descritta come avida e assassina, sia morta precipitando dal punto più alto del castello e che avrebbe nascosto nelle viscere dell’altura un telaio d’oro.

ENOGASTRONOMIA

Villaputzu produce eccellenti agrumi, quali arance, mandarini, pompelmi, limoni ed altri prodotti ortofrutticoli. Il mare e la piccola pesca forniscono pesce e crostacei squisiti; dalle zone in quota provengono carni di capra e di porcellini, oltre a pecorini. Sulle tavole non mancano mai ravioli di ricotta e zafferano o i tipici gnocchetti fatti in casa detti “malloreddus”; i dolci tradizionali di mandorle utilizzano il miele dell’apicoltura locale. L’artigianato villaputzese è versatile e produce tappeti, copriletti e tovagliati tessuti a mano con telai di legno, oltre a ceramiche, cesti di vimini e stuoie.








SEMBRANO alghe


Camminando lungo la spiaggia, soprattutto dopo una mareggiata, sulle spiagge della Sardegna può capitare di incontrare la Posidonia Oceanica che, contrariamente a quello che si pensa, non è un alga…
Read more! Click here









TILIGUERTA DOG BEACH

…E’ ormai un punto di riferimento per i nostri amici a 4 zampe nel Sud Sardegna.

L’area si estende su 500 mq. e vuole dare una risposta alle richieste sempre più numerose di quei turisti che desiderano trascorrere…

Read more! Click here